Logo riff/raff Testata news
Home > Indice news > Dieci anni di riff/raff
Dettaglio del basso di Frigo Marco in azione Cammello in azione Frigo in azione Frigo in azione Lollo in azione Lupo scatenato Tramezzino in azione Brasile alla batteria dettaglio di chitarra dettaglio di paletta
Anniversario dei riff/raff


Che serata ragazzi!

E’ difficile descrivere a chi non era presente l’atmosfera che si respirava quel sabato al Sunflower, una serata memorabile, anche per chi non è un fan sfegatato dei riff/raff. La band tardava ad iniziare ed intanto il locale si riempiva: è incredibile come la gente possa influenzare la riuscita di un evento. Non so bene se la qualità o la quantità, forse un giusto mix, il fatto è che i Nostri sono entrati quando l’aria era alla giusta temperatura, proprio in quel momento, non un minuto prima o uno dopo, il rombo del rock eccheggiava stridente tra i corpi eccitati del Sunflower. Una tirata di pezzi potenti ha scardinato le resistenze degli animi più refrattari, proiettandoli nel più vorticoso e puro dei rock’n’roll, un tripudio, una festa ancentrale che ha ipnotizzato i presenti fin dai più giovani avventori, (11 anni) impietriti dalla carica emotiva che emanava quella miscela di note. La riuscita di un concerto è il risultato di una strana equazione, un algoritmo misterioso che i matematici faticano a comprendere e che è parte di quell’universo sconosciuto che rientra nella legge del caos. Rock e caos sono termini che si somigliano, sono entrambi il frutto di una naturale evoluzione che vive nel momento stesso in cui raggiungono quello stato di grazia che si chiama equilibrio. Uno stato precario e labile che innumerevoli variabili, al momento di incontrarsi, determinano, una magia, un incantesimo che dura solo il tempo necessario e che porta a credere che tutto quello che è avvenuto, è quasi il sogno di una notte di fine inverno - Shakespeare non me ne voglia. Ma, come nei migliori spettacoli, il meglio è venuto dopo, nell’alternarsi agli strumenti dei vecchi componenti della band: Brasile alla batteria e Cammello alla chitarra, emozionati come bambini, hanno fatto salire la febbre come in un film di Hitchcock, un moto ascendente, il climax come si dice in gergo cinematografico. Nel finale con due batterie e tre chitarre e con Tramezzino seminudo in piedi sui tavoli si è raggiunto l’apice, gli “ottomila” della musica e della gioia. Che dire.. queste poche righe sono come il resoconto sterile di un ragioniere che prova a narrare le gesta di Michelangelo alle prese con la cappella Sistina: dovevate esserci.
Le immagini possono raccontare meglio delle parole la serata trascorsa: cliccate sulle icone in alto ed in basso e potrete assaporare un assaggio, pur mediato, delle eroiche gesta del diciotto di Marzo.


Bruno Nati

Marco in azione Cammello in action RiffRaff in azione tramezzino sui tavoli Frigo e Tramezzino Lollo dal basso Panoramica Panoramica Panoramica Peppe e Lollo si ristorano Fabio dal ponte di comando
Il maestro de vida con discepole Antonella Pigi Lupo in PP Brasile e Cammello Cammello, Bruno e Brasile Pigio e Ale Cammello e Antonella fan sfegatato Vetrina del Sunflower
© Bruno Nati b.nati@free.panservice.it 2005 - Aggiornato il